MVNO: cosa sono gli operatori mobili virtuali

di Silvia Becattini
MVNO
image_pdfimage_print

Condividi anche tu!


Una fetta del mercato delle telecomunicazioni sempre più grande appartiene ai cosiddetti operatori mobili virtuali o MVNO.

Ma cosa sono i MVNO?

Gli operatori mobili virtuali o, in inglese, Mobile Virtual Network Operator (MVNO) non sono altro che società che forniscono servizi di telefonia mobile non avendo alcuna licenza per il relativo spettro radio né per forza tutte le infrastrutture che servono per fornire questi servizi.
Gli operatori MVNO possono distinguersi in varie tipologie:

  • Full MVNO (Full mobile virtual network operator), gestisce per intero il servizio offerto tranne che per la rete di accesso, di proprietà di un MNO con cui ha stretto accordi
  • ESP MNVO (Enhanced service provider), possiede solo le infrastrutture per i servizi a valore aggiunto e per la commercializzazione dei prodotti. Rete d’accesso ed emissione SIM sono richiesti all’MNO.
  • SP MNVO (Service Provider MVNO), è un rivenditore di traffico che rivende il traffico acquisito all’ingrosso da un operatore di rete mobile. Le sue attività sono limitate al campo della commercializzazione, fatturazione e assistenza al cliente.
  • MNVE (Mobile virtual network enabler), non ha una licenza di telefonia mobile o un contatto diretto con i clienti finali. È un’intermediario tra gli MNO e gli operatori virtuali.
  • MNVA (Mobile virtual network aggregator), offre servizi e dati all’ingrosso a società che forniscono servizi ai propri clienti finali con il proprio nome/marchio.
    Fonte: Wikipedia

Gli operatori mobili virtuali utilizzano quindi come reti di appoggio gli operatori che possiedono la rete: i Mobile Network Operator (MNO). Per quanto riguarda l’Italia, questi sono TIM, Vodafone e WindTre.

Quali sono i principali MNVO in Italia?

Tra i primi operatori virtuali in Italia troviamo CoopVoce, lanciato nel 2007 sulla rete TIM. Nel corso degli anni gli MNVO sono aumentati e fra i principali figurano Postemobile, Fastweb, Lycamobile, Tiscali Mobile. Fra i più giovani presenti sul mercato italiano ci sono Kena Mobile (2017), ho. (2018) e Very Mobile (2020).

Un settore sempre più in espansione quindi, che consente di ampliare l’offerta mobile a disposizione dei consumatori, spesso con la possibilità di scegliere tariffe all inclusive molto più economiche rispetto ai principali MNO.

Hits: 97