Il Giro d’Italia tinge di rosa anche gli sponsor

di Fabio Frabetti
image_pdfimage_print

Condividi anche tu!


Uno degli eventi sportivi più celebri. Uno dei Grandi Giri più ricchi di storia. Nel 2021 il Giro d’Italia torna a prendersi il posto nella primavera del calendario ciclistico. Il mese di maggio è un appuntamento fisso per tutti gli appassionati di bicicletta, con l’evento organizzato da RCS giunto alla sua edizione numero 104.

Il percorso del Giro d’Italia 2021 edizione 104. Fonte Sito Ufficiale.

104 anni di grande ciclismo e grandi partner

I grandi eventi, come di consueto, non si portano dietro soltanto il blasone sportivo e diventano un volano di complesse e ramificate operazioni pubblicitarie. Un punto di incontro chiave tra pubblico, media, player della comunicazione e brand.

Nonostante il paragone con il calcio sia inaffrontabile, l’Italia è una terra molto fertile per il ciclismo. Uno degli sport più seguiti e apprezzati in tutta la penisola, radicato nella storia e nelle abitudini del popolo italiano. Senza dimenticare il mercato, seppur di nicchia, dei cicloamatori praticanti; un target molto appetibile per gli sponsor tecnici.

Per l’edizione 2021 ci sono state ben 65 aziende a sfruttare la vetrina della Corsa Rosa. Un elenco incredibilmente lungo ed esteso, grazie ad un’offerta che ha saputo differenziare ed ottimizzare le varie tipologie di intervento.

Maglia Rosa e Trofeo del Giro d’Italia 2021 edizione 104. Fonte Sito Ufficiale.

I top sponsor e le maglie delle classifiche

Difficile citare tutti i 65 sponsor, sebbene ogni relazione commerciale sarebbe interessante da analizzare per comprenderne meglio i valori, le operazioni e la filosofia del brand in relazione allo sport. Cade l’attenzione, però, sui partner che si sono legati al Giro d’Italia attraverso quegli elementi più caratteristici e riconoscibili: le maglie.

La più celebre, la più pesante e la più ambita è la Maglia Rosa, che proprio in questa edizione compie 90 anni. La maglia indossata dal corridore in testa alla classifica generale è un’esclusiva Enel. Il fornitore di energia è un marchio fortemente legato al mondo dello sport, dedicando un’approfondita operazione media al Giro d’Italia 2021.

La Maglia Azzurra, dedicata al leader della classifica scalatori, è riservata a Banca Mediolanum. Segafredo, oltre a sponsorizzare un team statunitense in gara, è l’azienda della Maglia Ciclamino per la speciale classifica a punti. La Maglia Bianca è invece offerta da Intimissimi Uomo, per premiare il migliore tra gli under 25 in gara.

Maglia Ciclamino, Maglia Azzurra e Maglia Bianca al Giro d’Italia 2021. Fonte Cyclingpro.

Non solo RCS e Giro d’Italia: un’occasione più ampia

Le operazioni pubblicitarie legate al Giro d’Italia, però, non si limitano soltanto al rapporto diretto con RCS e Gazzetta dello Sport. Come per molti altri grandi appuntamenti, non si contano gli eventi satellite e gli accordi dei vari licenziatari dei diritti.

Lo sfruttamento del marchio Giro d’Italia, o la detenzione dei diritti di diffusione, diventa un’opportunità parallela per molte realtà. Basti pensare agli introiti pubblicitari RAI durante le dirette e i vari format di approfondimento. Ma anche nuove linee di produzione per alcune aziende: merchandising, vini, abbigliamento tecnico, eccetera.

Il passaggio dei corridori in un centro abitato. Fonte Twitter Giro d’Italia.

L’enorme seguito mediatico e il valore di un brand così storico, però, ritrova la sua autenticità nella passione più pura. Il passaggio della carovana nelle bellezze di un’Italia nascosta, troppo spesso dimenticata, è l’elemento più semplice e, al tempo stesso, più profondo. Un’occasione anche per i piccoli commercianti sulle strade del Giro che, almeno per un giorno, ritroveranno lo slancio per ripartire e prendere parte alla grande corsa.

Hits: 63